Home Bijoux e storia Gioielli della Magna Grecia – Antenati dei bijoux

Gioielli della Magna Grecia – Antenati dei bijoux

by Katia
Gioielli Magna Grecia statua con orecchnio

Gioielli della Magna Grecia visti oggi – Gli antenati dei bijoux

I gioielli della Magna Grecia costituiscono ancora oggi un punto di riferimento per la creazione di monili in metalli preziosi come oro e argento e bijoux di alta bigiotteria. In questo articolo affronteremo quindi la Magna Grecia come entità territoriale storica, focalizzando poi sui gioielli usati a quel tempo. Infine affronteremo l’influsso che questi gioielli hanno nel design dei bijoux e gioielli odierni.

Magna Grecia: riflessi di un’antica civiltà

La Magna Grecia è stata ed è ancora un ospite permanente della mia amata terra; la Calabria. In ogni angolo di essa, si respirano i venti di quell’antica civiltà che con il suo avvento ha cambiato volto a questo meraviglioso posto. Cultura, arte, progresso e sfarzo, furono le componenti primarie che quei popoli colonizzatori portarono con sè, tramandando alle popolazioni indigene usi e costumi. La Calabria è riconosciuta come il cuore pulsante della Magna Grecia, infatti tutta la costa Jonica conserva i resti del passaggio di questa civiltà Ellenica. La posizione geografica della Calabria era ottimale per i Greci, i quali, da esperti navigatori quali furono, approdarono su queste coste sin dall’ottavo secolo A.C.

Le prime colonie

Magna Grecia - Colonie in Calabria

Mappa Magna Grecia – Calabria

Esperti contadini, commercianti, e veloci costruttori di Polis (città), si insidiarono facilmente colonizzando gran parte della regione e creando centri abitati di enorme importanza. Città come Sybaris (odierna Sibari) o Kroton (odierna Crotone), furono considerate in quel periodo le più potenti, strategiche e sfarzose dell’intera Magna Grecia. Le loro principali fonti di ricchezza si basavano sulla produzione ed esportazione di olio, vino, stoffe pregiate e ceramiche. Per la presenza di miniere d’argento nel territorio della Sibaritide, si coniarono le prime monete d’argento. Le donne sfoggiavano gioielli e monili di estrema bellezza. Miti e Dei fanno da cornice alle meraviglie dei templi eretti con strutture superiori a quelle della stessa Grecia. Eclatante fu ad esempio il tempio eretto in onore di Hera Lacinia, a Crotone, il quale divenne meta di pellegrinaggio da tutta la penisola ellenica.

Come si viveva nella Magna Grecia

L’ostentazione, lo sfarzo, e l’opulenza delle città della Magna Grecia era risaputo. I cittadini amavano la vita mondana e sontuosi banchetti, nei quali gli aristocratici non rinnegavano eccessi. Le case dei ceti medi erano composte da due vani distribuiti su un solo piano, mentre quelle dei ceti più ricchi erano ampie e su due piani. Quasi tutte le stanze si aprivano su un cortile di forma rettangolare, con finestre strette e tetto terrazzato. Le stanze erano dipinte di rosso decorate da arazzi o da affreschi. I pavimenti delle stanze di rappresentanza erano di mosaico. Le Polis della Magna Grecia erano costituite dalla presenza di un teatro, di un ginnasio, e di una palestra luoghi nei quali i cittadini venivano eruditi ed educati ai valori civici, artistici, culturali e spirituali. Si affacciava quindi timido, in questo periodo, il primo modello di democrazia.

I vestiti

Abbigliamento donna della Magna Grecia

Donna della Magna Grecia

Le donne della Magna Grecia si acconciavano i capelli o indossavano un certo tipo di abito in relazione al loro ceto sociale di appartenenza. La base dei vestiti era uguale per tutti i ceti ed era costituita da una tunica bianca o beige e da un mantello che lasciava scoperte le braccia. Le stoffe delle aristocratiche erano leggerissime e ricche di fregi e ricami con filo d’oro ed applicazioni auree. I calzari erano di cuoio.

I gioielli

Le donne si ornavano i capelli con diademi, e moltissimi sono i gioielli di estrema bellezza rinvenuti e conservati nei musei archeologici della Magna Grecia. I bracciali si portavano al polso o nella parte alta del braccio, erano rigidi e con chiusure raffiguranti la maschera apotropaica. I diademi e gli orecchini pendenti, venivano lavorati in oro, in pasta vitrea e smalti colorati. Le collane erano a girocollo e quasi tutte con pendente. Gioielli e preziosi di grande raffinatezza hanno ben rappresentato la ricca società e la grande cultura che permeò nelle colonie della Magna Grecia.

Diadema di Hera Lacinia

Diadema in oro di Hera Lacinia

Particolarità dei gioielli della Magna Grecia

Perché i gioielli delle Magna Grecia sono così importanti? Che cosa hanno di particolare? Le risposte sono semplici ed immediate.

  1. Perché erano già all’epoca realizzati con materiali pregiati ed innovativi (pasta vitrea),
  2. Perché con la loro ricchezza di particolari e di riferimenti allegorici ad oggi influenzano il design di molti bijoux e gioielli.

In effetti, oltre l’uso di materiali preziosi come oro e argento, i gioielli della Magna Grecia erano completati con elementi innovativi per l’epoca, come la pasta vitrea e gli smalti utilizzati per colorarli.

Inoltre, la presenza nei gioielli della Magna Grecia di elementi allegorici come animali, frutti e bacche, e ovviamente maschere, hanno contribuito al loro successo nel passato e nel presente.

Maschere Apotropaiche in pietra

Maschere Apotropaiche

In particolare, le maschere apotropaiche, ovvero i volti mostruosi che erano presenti all’ingresso delle abitazioni, il cui compito era quello di scacciare gli spiriti maligni, a quel tempo trovarono vasto impiego nella produzione di monili. Lo scopo era quello di proteggere sé stessi indossando monili di pregiata lavorazione che includessero appunto le maschere apotropaiche. Possiamo dunque affermare che i gioielli assolvevano ad un duplice scopo: ornare ed abbellire, proteggere contro la cattiva sorte, il malocchio e gli spiriti maligni.

L’influenza sui bijoux e sui gioielli attuali

Un detto popolare recita che la storia si ripete. Ed in effetti è vero anche nei bijoux. Anzi l’uso di elementi allegorici come quelli rappresentati dalle maschere apotropaiche, non si è mai interrotto ma si è perpetuato nel tempo fino ai nostri giorni. Un esempio su tutti: il cornetto di corallo rosso usato, contro la sfortuna, spesso agganciato ad un bracciale. Non dobbiamo quindi sorprenderci se oggi ci sono delle intere collezioni di bijoux e di gioielli basate su i simboli delle Magna Grecia. Ovviamente a parte questo aspetto, i gioielli della Magna Grecia, come già detto, sono caratterizzati da una ricchezza di particolari e da una bellezza particolare tale da rappresentare una fonte inesauribile di ispirazione per molti designer di bijoux e gioielli.

In conclusione i nostri bijoux fin dalla notte dei tempi assolvono ad un duplice compito: adornarci e “proteggerci”. … Ma magari di quest’ultimo aspetto non ne siamo pienamente consapevoli quando indossiamo un bijoux!

Evviva la Magna Grecia!

Baci preziosi / Katia

Articoli che Ti potrebbero interessare

2 Commenti

Avatar
Adelaide 1 Dicembre 2018 - 8:44

“La dignità dell’artista sta nel suo dovere di tener vivo il senso di meraviglia nel mondo!!” …e tu ci riesci alla grande con i tuoi preziosi gioielli che esprimono la gioia e la bellezza e portano un po’ di te, della bella persona che sei!!! Un artista a 360° che rende le donne più Vive quando indossano questi gioielli!! Complimenti vivissimi!

Reply
Avatar
Katia 1 Dicembre 2018 - 13:41

Cara Adelaide grazie di cuore per il tuo bel commento.
Katia

Reply

Lascia un commento

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Puoi conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Accetta Piu' informazioni